La lomellina nelle foto di Gigi Guazzoni, ospedaliere presso l’Abbazia di S. Albino a Mortara

Ecco la piccola galleria fotografica che Gigi Guazzoni, ospedaliere presso l’Abbazzia di S. Albino a Mortara, ha voluto condividere con noi regalandoci le splendide visioni di una Lomellina verdissima ad inizio primavera, quando le plantule di riso affiorano appena dal pelo libero dell’acqua.

Riportiamo qui di seguito il testo della sua mail

Continua a leggere

Ritorno

La notte passa quasi insonne tra i rumori della camerata all’ospizio del Gran San Bernardo ed il galoppare caotico dei pensieri. Compendi, conclusioni, riflessioni, ricordi, soddisfazioni e piccoli rimpianti (le tre tappe saltate che non vanno proprio giù) si affollano togliendo il sonno. Dalla finestra della camera compare la luna piena ed ho tutto il tempo di vederla passare tra i riquadri di legno di ogni anta, cancellata e risbucata tra nuvole di vario spessore e vario grigio.

Continua a leggere

TAPPA 44 ECHEVENNOZ – COL DU GRAND SAINT BERNARD

20110911-034522.jpg
Ed eccoci all’ultima sveglia. Per l’ultima volta lasciamo un letto conosciuto solo ieri accingendosi ad attraversare la giornata con i nostri passi. Questa sveglia ce la godiamo, rifacciamo lo zaino con calma, sperando di dilatare il tempo e lo spazio che separa Echevennoz dal Gran San Bernardo, inizio per molti e nostra meta.

Facciamo colazione da Chez Marietty, che ci serve ancora una volta prodotti esclusivamente fatti in casa. Le raccontiamo che per noi è l’ultimo giorno di viaggio, e lei per festeggiare ci offre quanto abbiamo appena mangiato.

Continua a leggere

TAPPA 43 AOSTA – ECHEVENNOZ

20110909-060847.jpg
Lasciamo gli inaspettati comfort di quella che possiamo definire la “suite del pellegrino” che la parrocchia di Saint Martin mette a disposizione (ovvero una nutrita e multilingue libreria tematica sulle viae peregrinales, il cucinotto in camera, l’arredamento in legno, compreso il bagno e la privacy di una sistemazione a due soli posti letto) salutiamo la Perpetua e suo marito che ci chiede se siamo intenzionati ad arrivare direttamente al colle del Gran San Bernardo in giornata.

Continua a leggere

TAPPA 42 CHATILLON-AOSTA in progress

20110908-102053.jpg
Causa lunghezza tappa di ieri e sveglia tardiva di oggi aggiorneremo la descrizione di questa tappa nel lungo viaggio di ritorno (in treno) che ci aspetta….

Scaletta
La tappa di oggi si svolge in un continuo un saliscendi a mezzacosta sul versante dell’Endroit (alla destra orografica del fiume mettendosi con la corrente incontro). Il frate Cappiccino, gentilissimo tentatore, ci parla dell’esistenza di una via di fondovalle, che decorre sull’Envers, comoda e poco trafficata ma noi dobbiamo mappare il percorso ufficiale, che già ieri abbiamo abbandonato in parte. Optiamo per la via più ardua.

Continua a leggere

TAPPA 41 VERRES – CHATILLON

20110907-023746.jpg
Usciamo dall’ostello quando io sole ancora non indora Verres mentre si concede giá in abbondanza alla vicina Issogne. Per il tratto iniziale tra le due opzioni offerte dai roadbook: l’una alta e selvaggia, l’altra bassa ed urbanizzata noi scegliamo la valle per risparmiare forze per la lunga tappa di domani fino ad Aosta (o almeno questa è la scusa).

Continua a leggere

TAPPA 40 DONNAS – VERRES

20110906-111405.jpg
La sveglia suona alle sei e parte la procedura automatica dei gesti di partenza quotidiana. Si scrivono due righe sui registri dei pellegrini, si arrotola il sacco a pelo, si arrotolano gli asciugamani, si arrotolano anche i vestiti perché così si grinziscono di meno (almeno per quanto riguarda la scarsa qualità del mio alternativo piegare) si rimette tutto nello zaino (quando non si dimentica qualcosa a giro come giá è capitato) ed in breve siamo pronti.

Continua a leggere

TAPPA 39 IVREA – PONT SAN MARTIN – CAREMA – DONNAS in progress

20110905-095940.jpg
Ci svegliamo con la Dora che s’infrange impetuosa sulla lunga diga che, in parte, la sbarra per canalizzarla verso il naviglio d’Ivrea; costruito a fine del quattrocento per alimentare l’agricoltura nel Vercellese o, secondo altra interpretazione delle fonti, semplicemente per collegare le due città tramite un comodo canale d’acqua e costruire su di esso i molini marchionali.

Continua a leggere

FORWARD MORTARA- ROBBIO-VERCELLI-SANTHIA’-VIVERONE-IVREA … UNA PARENTESI SU RUOTA E ROTAIA

Oggi, sotto una pioggia scrosciante, con le nuvolette fulminanti del meteo.it accanite su tutto il nord Italia per due giorni, con il fegato marcio di rabbia per le troppe soste di luglio e le lacrime agli occhi, sinceramente invidiosi del nostro nuovo amico Arie che da due mesi è partito da Utrecht per arrivare a Roma sotto l’oculus del Pantehon l’11/11 alle 11 e che quindi ha davanti a se più di due mesi di strada e di soste piacevoli, ci siamo rassegnati all’evidenza dei fatti. Saremmo arrivati al Gran San Bernardo non prima del 15 settembre. Lucio il venti ha l’orale dell’esame di stato ed io non ho più avuto contatti con l’università dalla partenza. Abbiamo toppato attuando la politica della cicala ed ora l’estate è finita, soprattutto in questo piatto, nebuloso nord.

Continua a leggere